Il Lunario del 1746

Torna al sommario | « Capitolo precedente | Capitolo seguente »

Quando Giuseppe Piermarini aveva la nostra età, a Foligno usciva annualmente un lunario.

12-a. Incisioni dei dodici mesi desunte dal calendario “Discorso generale del Famoso Fantozzi per l’anno 1746” (Foligno, Pompeo Campana, 1746): disegni di Ilaria Belli e Benedetta Lini

12-a. Incisioni dei dodici mesi desunte dal calendario “Discorso generale del Famoso Fantozzi per l’anno 1746” (Foligno, Pompeo Campana, 1746): disegni di Ilaria Belli e Benedetta Lini

Riportiamo il discorso introduttivo del Famoso Fantozzi , l’astrologo incaricato di fare le previsioni per il Lunario dell’anno 1746 [Lunari in foglio 1997, tav. 6]:

L’anno 1746, entra di Sabato, e dominato viene da Marte, Giove, e Saturno, ma perché (…) Giove vi ha poca forza, poco di buono li potrà aspettare dalli due malefici Dominatori, particolarmente intorno alle guerre. La morte la vuole (…) con li Giovani, e Donne, ne si vergogna salire nelle Sale de’ Grandi. Accadendo due Ecclissi Lunari dubito farà per sentirli qualche scossa di Terremoto. L’inverno sarà addolcito da alcune belle giornate tra li gran venti, nevi, geli, e pioggie; che però li mali più frequenti saranno di capo, e di petto; quali seguiranno anche nella Primavera, accompagnati da Febri maligne, e Vajoli con morte de’ Fanciulli, ed aborti; Li tempi saranno poco buoni, particolarmente verso il mezzo di questa Stagione. Nell’Estate non dovrebbe sentirsi caldi eccessivi, perché non sarà priva di temporali improvvisi. Guai a’ Vecchi porta la Morte nell’autunno a causa di affezioni di nervi, Febri acute, e (…) maligne; ed avremo questa Stagione secca, e ventosa. Dubito di mortalità negli Animali grossi, e minuti; Pochi frutti di ogni sorte; e la Raccolta la prevedo mediocre, particolarmente di Vino. Raccomandiamoci al Signore IDDIO, che ci liberi da ogni male, che vivremo felici”.

12-b. Incisioni dei dodici mesi desunte dal calendario “Discorso generale del Famoso Fantozzi per l’anno 1746” (Foligno, Pompeo Campana, 1746): disegni di Ilaria Belli e Benedetta Lini

12-b. Incisioni dei dodici mesi desunte dal calendario “Discorso generale del Famoso Fantozzi per l’anno 1746” (Foligno, Pompeo Campana, 1746): disegni di Ilaria Belli e Benedetta Lini

Molti anni più tardi, il Piermarini, ormai “Imperial Regio Architetto”, sovrintendente alle costruzioni di Maria Teresa d’Austria, “si fa mandare da Foligno, dove proprio in quegli anni nasce il primo Barbanera, i calendari famosi. È uno dei pochi legami con la sua città. Vi segna, giorno dopo giorno, le attività di cantiere” [Maurizio Salari, presentazione a Portoghesi (cur.) 1998].

Torna al sommario | « Capitolo precedente | Capitolo seguente »