Il Monte di Pietà

Torna al sommario | « Capitolo precedente | Leggi la scheda sul valore delle monete » | Leggi la scheda sui pegni »

Il Monte di Pietà venne istituito il 6 maggio 1463 ed iniziò la sua attività nel 1471. Ancora ai tempi del giovane Piermarini esso era perfettamente funzionante e doveva trovarsi nella Piazza Grande, come risulta da un documento d’archivio relativo al palco delle autorità che assistevano alla giostra del Saracino:

“Si deve fare un palco per l’illustrissimo Magistrato al cancello del Monte [il Monte di Pietà], mettendo fuori tavoli, sedie e strati.” [ASF, Fondo Congregazioni di Carità, Monte di Pietà, Libro Primo dei Pegni, 311, anni 1734/1735].

Nel documento Orfini sulla Foligno del Settecento si legge:

Vi è ancora il Sacro monte della Pietà, soggetto al Vescovo, che porta seco il valsente di 60mila scudi, tutti impiegati in servigio dei poveri, le cui amministrationi si conferiscono a due nobbili eletti per secreti suffragi dal pieno e generale Consiglio e da esso confermati ogni triennio.” [ASF, Fondo Orfini, busta 27, Descrittione della città di Foligno, c. 4r].

Torna al sommario | « Capitolo precedente | Leggi la scheda sul valore delle monete » | Leggi la scheda sui pegni »